16 Stati mettono al bando le loot box

16 Stati mettono al bando le loot box

Sta assumendo sempre di più i connotati di una crociata vera e propria che a livello internazionale si sta svolgendo per contrastare il fenomeno delle lootbox, meglio conosciute anche comecasse premio, presenti in alcuni giochi, grazie alle quali è possibile avanzare di livello senza alcun sforzo, basta pagare.

Infatti già da tempo si è avviata un’accesa discussione se questo meccanismo sia equiparabile ad una qualche forma di gioco d’azzardo, tanto è vero che Belgio e Olanda lo hanno dichiarato illegale a tutti gli effetti e che recentemente è stata firmata una dichiarazione d’intenti ad hoc, su sollecitazione della Commissione specifica referente dello Stato di Washington (USA) e discussa a Settembre nell’annuale incontro della Gambling Regulators European Forum, da altri quindici Paesi dell’area europea, dall’Irlanda, Norvegia, Polonia, Austria, Francia, Gibilterra, fino a Malta, per citarne alcuni.

Con l’atto, inspiegabilmente mancherebbe, a quanto pare, la rappresentanza italiana in questo organismo, non solo viene tracciato il limite tra “il gaming e il gioco d’azzardo”, ma anche si intende, innanzitutto, far partecipi del problema sia il pubblico che le case produttrici di videogiochi, per sensibilizzare tutti i soggetti coinvolti a non sottovalutarne la portata.

Mentre alcune software house (Blizzard Entertainment e Valve) hanno già risposto positivamente, togliendo dai loro giochi le loot box, altre come Electronic Arts stentano a farlo.

La questione purtroppo investe anche utenti che molto spesso entrano in un circolo vizioso a cui non sanno dire di no, spendendo inventi somme senza rendersene conto.

Altre storie
16 Stati mettono al bando le loot box
L’ex Ministro dello Sviluppo economico Calenda contro il mondo dei videogiochi