In questo SitoWeb non troverai pubblicità! Ma solo tanta passione per i videogiochi. Supportaci e diventa Patreon💙

L’Islanda sarà la possibile ambientazione di Death Stranding?

Le notizie su Death Stranding si rincorrono ormai di giorno in giorno più ci si avvicina al grande evento di Los Angeles. Oltre alle recenti dichiarazioni dell’attore danese Mads Mikkelsen, in cui si sottolineava l’importanza della collaborazione tra tutti i giocatori, ha incuriosito non poco un misterioso tweet di Hideo Kojima che rappresentava del muschio non accompagnato da nessun altra informazione.

Questa stranezza non è sembrata per niente casuale, sollevando ovviamente la curiosità generale. Sta di fatto che un utente di Twitter ha intravisto in quell’immagine un indizio ben preciso sulla possibile location in cui dovrebbe essere ambientato il gioco in questione: si tratta, a suo parere, del medesimo muschio che cresce fra le rocce laviche dell’Islanda. Molto probabilmente il game designer ha voluto così circondare di un ulteriore mistero il fascino di questa nuova e tanto attesa IP. Per rimarcare la validità di tale ipotesi, lo stesso Kojima ha ritwittato il post del fan.

Ci sarebbero poi altre tracce che condurrebbero a legittimare la teoria di cui sopra. La scorsa settimana un altro utente sempre di Twitter, conosciuto come HOBO, ha realizzato degli artwork in cui predomina il paesaggio islandese inserendovi, tra l’altro, anche il protagonista, che, come si sa, è interpretato dall’attore Norman Reedus. Anche in questo caso, Kojima ne ha indirettamente condiviso l’idea senza infatti smentirla ufficialmente.

Tutto ciò sembra rientrare in una strategia di marketing ben precisa portando l’hype alle stelle. Si tratta di mere supposizioni a cui soltanto lo Showcase dell’11 Giugno potrà eventualmente dare una risposta. Ci si chiederà: “Perché proprio l’Islanda”? La domanda è più che legittima, forse perché, azzardo io, questa terra ricca di fenomeni vulcanici e dall’aspetto così primordiale si presterebbe meglio di altre, panoramicamente parlando, ai temi sviluppati nel gioco. Non ci rimane che attendere!

Altre storie
Cross-play: Sony non ha ancora sciolto i dubbi