In questo SitoWeb non troverai pubblicità! Ma solo tanta passione per i videogiochi. Supportaci e diventa Patreon💙

Microsoft e Bethesda scendono in campo per il sociale

L’iniziativa è tra quelle che di sicuro lascerà il segno perché davvero originale nel suo genere nell’unire sia il collezionismo che il rispetto verso gli animali, soprattutto quelli che vivono abitualmente con l’uomo, attraverso opere di beneficenza e presto, credo, ne seguiranno altre ancora per il grande valore etico che hanno in sé.

Infatti Microsoft, nel mese di Agosto, ha messo all’asta sulla piattaforma di e-commerce eBay una Xbox One X a tema dedicata al gioco Shadow of the Tomb Raider in uscita il giorno 14 Settembre. Come era nelle previsioni, in breve tempo, la quotazione dell’articolo è salita alle stelle raggiungendo fino all’altro ieri la cifra di oltre 7000 euro. La macchina sembra riprodurre un bassorilievo appartenente ad una civiltà perduta, campo d’azione prediletto dalla protagonista.

Il ricavato sarà devoluto alla Best Friends Animal Society, la cui finalità è di salvare nel continente nord americano gli animali domestici da una morte sicura grazie ad un programma di adozione, nel caso in cui, una volta abbandonati nei rifugi, questi, poi, risultino essere sovraffollati.

Qualche mese prima c’è stato il caso, invece, di Bethesda che, in occasione dell’E3 2018, ha voluto spingere l’attenzione del pubblico su Fallout 76 promuovendo contemporaneamente l’acquisto su iTunes della cover della celebre canzone di John Denver “Take Me Home, Country Roads”; un’azione che, prendendo spunto proprio dal motivo della ricostruzione post-bellica, è andata specificatamente a sostegno dell’associazione noprofit Habitat for Humanity, il cui intento è di dare alle persone meno abbienti un alloggio a basso costo, non solo negli Stati Uniti, ma anche nel resto del mondo. Inoltre se si donava una moneta del valore di circa 50 centesimi alla macchina dei souvenir Mement-o-Matic si poteva ricevere un penny commemorativo del gioco stesso. Anche qui il ricavato è stato devoluto alla medesima associazione.

Un ultimo esempio, per ribadire quanto sia forte l’impegno che la casa di Redmond manifesta da sempre nei confronti dei bisogni dei più deboli, riguarda la collaborazione dello scorso anno con Rare per realizzare un progetto che ha avuto come scopo la diffusione dei videogiochi in soggetti con disabilità. L’incasso, a seguito ancora una volta di un’asta di una Xbox One X a tema di Sea of Thieves, è stato dato a SpecialEffect, un’associazione inglese che si occupa di migliorare, divertendo, con l’uso della tecnologia la qualità della vita di bambini diversamente abili.

Un plauso, quindi, a tali iniziative che meritano di essere riproposte anche nel nostro paese per diffondere la cultura della solidarietà e nel contempo vedere in un’ottica diversa il mondo videoludico.

Altre storie
La comunità tossica nel mondo dei videogiochi, un problema da risolvere