The Destiny Knot, il nuovo gioco Indie sviluppato da un team Italiano

Quest’oggi abbiamo il piacere di dare uno spazio a The Destiny Knot, un gioco sviluppato da due cugini italiani (Francesca Rampazzo e Alessandro Fabris) che formano il team Fabulas Games. Entrambi studenti di ingegneria, già dalla tenera età scoprono una grande passione per i videogiochi con la storica Playstation 1. Passano così pomeriggi di infanzia a divertirsi, fin quando non gli viene l’idea di sviluppare un loro videogioco.

I due quindi vanno alla ricerca di un modo non troppo costoso per sviluppare il gioco, fino a quando, un giorno si imbattono in un forum per sviluppatori e scoprono il motore grafico Unity. Da li iniziano a studiare da autodidatta e oggi ci presentano il loro primo vero videogioco, The Destiny Knot.

“L’ ispirazione maggiore del nostro gioco deriva dalla saga di The legend of zelda alla quale abbiamo voluto aggiungere quella che per noi è sempre stato il punto debole dei vari capitoli, ovvero una maggiore importanza della narrazione sfruttando un sistema di scelte multiple ereditato dalla recentemente defunta Telltale della quale abbiamo adorato la saga di The Walking Dead.”

The Destiny Knot in 2D nasce quindi dall’ispirazione di aggiungere in The Legend of Zelda una storia narrante di spessore. Grazie ad un sistema di scelte multiple hanno creato diversi fili narrativi che rendono ogni storia differente per ogni giocatore. Il gioco è ambientato in un mondo fantasy-medievale in pixel art, attribuendo uno stile rétro.

Il titolo può essere giocato in due diverse tipologie: la prima, quella narrativa, nel quale il protagonista dovrà affrontare in successione diversi dialoghi e scegliere la risposta giusta, in pieno stile anni 90. Le risposte scelte influenzeranno la trama a seguire, in questo modo conferiscono al gioco la possibilità di essere giocato più volte facendo scelte differenti da quelle già fatte e scoprire nuovi stage non visti in precedenza.

La seconda tipologia propone un gameplay platform-action, con intermezzi della trama e basato su scorrimento orizzontale. Ci sono anche stage a tempo, run and gun, boss fight e sezioni stealth.

 

The Destiny Knot ci mette nei panni di un ragazzo all’interno di un mondo medievale-fantasy che è costretto a crescere e diventare adulto per affrontare le difficoltà che incombono. Le scelte che faremo influenzeranno lo svolgimento della trama, soprattutto nelle parti finali nel quale la scelta avrà un peso sostanziale. Avremo un solo tentativo nella battaglia finale, la vittoria o la sconfitta cambieranno il finale della trama.

Manca un sistema di salvataggio di gioco. Mancano anche i CheckPoint che risultano solo all’inizio di ogni stage, quindi se si viene uccisi dalle creature della foresta bisogna ricominciare tutto lo stage da capo. Questa problematica fa sì che il giocatore poco esperto abbandoni il gioco a causa della ripetitività dello stage.

Notevole invece è il comparto sonoro. Grazie a collaborazioni esterne sono riusciti ad inserire nel videogioco una colonna sonora che accompagna e coinvolge il giocatore in questa avventura.

In conclusione il gioco ha ancora molta strada davanti per essere un buon videogioco. La trama risulta poco approfondita, inizialmente al giocatore vengono fatte delle scelte senza conoscere i personaggi, se buoni o cattivi, se bisogna rispondere in modo aggressivo o più pacato. Possiamo dire quindi che le prime risposte vengono date casualmente dal giocatore, senza una logica precisa. Per i poco esperti il primo stage non narrativo risulta molto difficile e complicato, con parkour e combattimenti tra te e i nemici. Hai a disposizione una spada che sembra lanci dei proiettili esplosivi e questo aspetto non è stato di mio gradimento. Inoltre ci sono vari bug e il personaggio slitta molto sulla superficie. Quindi per me il gioco può essere classificato anche come Hardcore. Di certo il lavoro è enorme per essere fatto solo da due ragazzi.

Se volete contribuire al team Fabulas Games sul loro sito è disponibile il gioco che costa solamente 1.99 Euro ed è acquistabile direttamente dalla pagina principale del sito. Hanno in serbo progetti molto ambiziosi e come tali hanno bisogno di un’investimento sostanziale.

7.9
Conclusione
Un lavoro eccezionale se si pensa che è stato fatto da 2 ragazzi. Forse avrei preferito prima di fare le mie scelte iniziale di conoscere prima la storia e i suoi personaggi. Troppo difficile per chi si cimenta per la prima volta in questi tipi di videogiochi.
Pro
Sviluppato bene.
Grafica buona.
Contro
Storia poco approfondita
Mancanza di checkpoint
Difficile per chi è neofita
Founder & Editor-in-Chief
Altre storie
Il crunch time, un fenomeno ormai diffuso nel mondo videoludico