L'angolo Indie: Nihilumbra

L’angolo Indie: Nihilumbra

Finalmente, dopo una settimana di pausa, siamo tornati con L’angolo Indie, ovvero la nostra rubrica, dove, ogni mercoledì, analizziamo un gioco indie famoso o meno, bello o brutto che sia. Oggi parliamo di un gioco davvero poco conosciuto, anzi possiamo dire praticamente sconosciuto, di una piccola casa produttrice ovvero la BeautiFun Games. Sto parlando di Nihilumbra, uscito nel 2012, e distribuito dalla stessa casa sviluppatrice.

Questo è il primo gioco Indie mobile di cui parliamo, e inoltre sono felice di poter finalmente parlare di Nihilumbra. Come detto in precedenza il titolo è davvero poco conosciuto, infatti mi ricordo che lo trovai in una noiosa giornata estiva di tantissimo tempo fa, mentre guardavo il Play store sul mio telefono, mi ritrovai davanti a un gioco davvero interessante, più che per  le meccaniche, per la storia presentata, ma andiamo con ordine. Il gioco si presenta molto bene non solo a livello di design ma anche graficamente  era abbastanza diverso, e al tempo stesso molto simile a giochi molto importanti come il famosissimo Limbo per citarne uno.

Nihilumbra è un platform avvincente, con una meccanica interessante, infatti il giocatore potrà cambiare l’ambiente di gioco tramite dei colori, e ogni colore ha un potere speciale, l’azzurro vi farà correre più veloce, il verde vi farà saltare e rimbalzare per raggiungere luoghi elevati, il marrone invece vi darà esattamente il potere opposto, ovvero vi farà rimanere incollati al terreno, oppure incollerà i vostri nemici. Durante la storyline avrete molti altri poteri a disposizione ma dovrete comunque usare il vostro ingegno e a volte combinare i vari poteri per poter avanzare nel gioco.

L'angolo Indie: Nihilumbra

Il gioco della BeautiFun Games è un buon platform, non perfetto, alcune meccaniche risultano leggermente legnose, i salti a volte sono imprecisi non per colpa del giocatore. Ovviamente vi sto parlando della versione mobile, che fu la prima ad uscire, ma so che adesso, il titolo è stato rilasciato anche su switch per cui magari questi piccoli errori sono stati risolti nella nuova versione. Nonostante ciò, ci troviamo davanti a un gioco ben riuscito non eccelso ma sicuramente impegnativo e divertente e sopratutto con una buona varietà di nemici diversi, ognuno con poteri particolari, alcuni semplicemente vi inseguiranno finchè non riusciranno a prendervi, altri invece, addirittura saranno fusi con laser e altri macchinari e vi elimineranno all’istante, altri invece saranno gigantesche piante che vi lanceranno i loro molteplici semi per cercare di colpirvi e molto altro.

Ma chi sono questi nemici? beh per parlare dei nemici, dobbiamo parlare del Vuoto, elemento fondamentale della storia, ( la quale ci viene narrata da un narratore esterno) il protagonista infatti sarà un piccolo pezzo di questo vuoto, che non si sa ne perchè e ne come ha improvvisamente preso vita dal nulla ed è riuscito a uscire dal vuoto e andare nel mondo. La narrazione esterna è davvero efficace, davvero ben scritta e in alcuni punti davvero profonda, inoltre non vengono narrate solo le vicende ma anche le emozioni che il nostro protagonista prova, in ogni luogo prova qualcosa di diverso, ogni posto gli insegna qualcosa di nuovo, ma in tutti i suoi viaggi, il vuoto sarà sempre dietro di lui e inghiottirà tutti i bellissimi paesaggi di cui pian piano si ”innamora” e continuerà sempre e comunque a inseguirlo, perchè non può non essere completo, deve a tutti i costi riprendersi anche quel piccolo pezzettino che ha deciso di ”uscire”.L'angolo Indie: Nihilumbra

Riuscirà il protagonista a fuggire? lascio a voi il scoprire la risposta a questa domanda non voglio farvi nessun tipo di spoiler, anche perchè il punto forte del gioco è appunto la storia: profonda, leggermente ripetitiva ma come già detto in precedenza ben scritta. Sappiate solamente che tutto il percorso del protagonista sarà lungo e difficile, all’inizio si sentirà vuoto, inutile (come può succedere a molti di noi nelle nostre vite), ma avrà sempre il coraggio di andare avanti nonostante sia solo, in un mondo che non gli appartiene, ostile, con il vuoto che oltre a inseguirlo ovunque va, rilascia i nemici di cui abbiamo parlato in precedenza, tutti diversi e tutti molto più forti e potenti del nostro personaggio.

Opinioni personali:

il titolo di oggi è davvero qualcosa di particolare, per me, è stato uno dei pochi titoli mobile ad avermi intrattenuto e divertito, ha delle meccaniche davvero interessanti, poter modificare le pareti di gioco semplicemente scorrendo il dito è qualcosa che non avevo mai visto all’epoca, inoltre il design dei mostri mi è sempre particolarmente piaciuto, ognuno con delle caratteristiche particolare e poteri speciali una piccola menziona fa fatta anche per le soundtrack di gioco rispecchiano davvero lo stile di gioco e lo rendono molto più interessante, ma comunque non è davvero niente di che. Cioè è un gioco fatto per intrattenersi qualche ora, niente di più. Diverte fino a un certo punto, verso metà gioco comincia a diventare leggermente noioso. lo giocherete principalmente per capire quale sarà il prossimo potere che potrete ottenere e dopo alcuni livelli ho cominciato a trovare gli enigmi abbastanza ripetitivi, nonostante questo credo che Nihilumbra sia un ottimo titolo mobile, mi spiace molto che sia poco conosciuto perchè merita sicuramente di più di molti altri titoli presenti sull’app e il play Store. Un altro elemento davvero importante in questo titolo è sicuramente la storia che ho trovato incredibilmente bella, e ben narrata, molte frasi ti fanno riflettere sulla vita e sul perchè esistiamo, cosa sui cui il protagonista si interroga sempre, perchè è nato dal vuoto? non lo sa e probabilmente non lo saprà mai, è nato e basta, senza una vera e propria ragione. L’unica cosa che sa è che è cosciente e vuole vivere, nonostante si senta spesso inutile e privo di un senso di esistere.L'angolo Indie: Nihilumbra

E anche per oggi abbiamo finito, Spero che l’articolo vi sia piaciuto, vi consiglio vivamente almeno di provare NIhilumbra trovate la demo gratuita sullo store, mentre la versione completa costa 3,69 uero su mobile e fidatevi che vale pienamente l’acquisto! Noi ci vediamo mercoledi prossimo con la terza parte di The Talos principle non mancate mi raccomando, al prossimo mercoledi.

 

 

Altre storie
L'angolo Indie: Nihilumbra
Nvidia RTX: nuove schede grafiche sempre più potenti e performanti.