Fortnite, i segreti del successo

Tra qualche giorno Fortnite spegnerà la sua prima candelina compiendo un anno, anno che lo ha visto diventare un vero e proprio fenomeno culturale. Tutti ne parlano, Fortnite è il gioco del momento Nel suo primo anno di vita, Fortnite ha battuto vari record diventando il gioco free-to-play che ha incassato di più nella storia dei videogiochi. Esso incassa più di 250 milioni di euro al mese e continua ad espandersi di giorno in giorno. Conta 45 milioni di giocatori e in ogni momento del giorno è possibile trovare almeno 200mila giocatori collegati contemporaneamente fino ad arrivare a picchi di 2 milioni. Ma come ha fatto Fortnite, in meno di un anno di vita, a raggiungere questi numeri da capogiro? Quali sono i segreti del suo successo? Andiamo ad analizzarli in questi 4 punti.

1) È gratis
Ammettiamolo, chi di noi giocherebbe a Fortnite se avesse dovuto spendere 40 euro per acquistarlo e 8 euro al mese di playstation plus o xbox gold? Ma se è gratis, allora, come fa Epic Games a guadagnare così tanto? Fortnite utilizza il modello freemium che consiste nel proporre gratuitamente la versione base di un prodotto e di chiedere un pagamento per usufruire delle funzioni aggiuntive (lo stesso succede per app come spotify, dropbox ecc..). I player di Fortnite pagano per avere skin, balletti, pass battaglia, tutti elementi che non danno vantaggi durante la partita, ma sono puramente estestici, atti ad’abbellire l’avatar del giocatore nel gioco.

2) Battle Royale
La trama del gioco è semplice: 100 giocatori vengono catapultati su di un isola, devono raccogliere armi e scappare dalla tempesta che, man mano che il gioco prosegue, si fa sempre più vicina. Vince l’ultimo che rimane in piedi. La battle royale è una modalità che prende il giocatore, gli da una sensazione di gratificazione e di orgoglio leggere sullo schermo i nomi degli altri giocatori che perdono mentre lui è ancora lì, in piedi a girovagare per la mappa. La sconfitta, invece, genera un sentimento di sconforto nel giocatore, che vorrà subito ributtarsi nel gioco per migliorare quanto fatto prima.

3) I Colori
Fortnite è un gioco con una grafica molto particolare, meno verosimile a differenza degli altri sparatutto come COD e PUBG.
La mappa è colorata da colori vivaci e accesi, non vediamo sangue o immagini crude e forti, ma uno stile grafico che ricorda quello di Minecraft grazie anche alla possibilità di costruire ponti, muri, scale e fortini. Tutto ciò non fa altro che addolcire il giudizio di un genitore sul gioco, arrivando a permettere al figlio di pochi anni di giocarci.

4)Gioco in evoluzione
Fortnite è un gioco in continua evoluzione, ogni settimana Epic Games rilascia una patch d’aggiornamento atta a risolvere eventuali bug, glitch, aggiungere o togliere armi, modificare posti della mappa, aggiungere nuove modalità di gioco ecc…
Il Fortnite a cui giochiamo oggi è completamente diverso da quello a cui giocavamo 6 mesi fa e sarà diverso da quello a cui giocheremo in Autunno.
Ogni 10 settimane vi è una nuova stagione del gioco che porta cambiamenti significativi al gioco e permette al giocatore di completare missioni per sbloccare nuove skin. Facendolo partire dal livello 1 il player dovrà arrivare al livello 100, resettando il tutto ad ogni nuova stagione.

Questi secondo me sono i motivi principali del successo di Fortnite. E voi cosa ne pensate? Per quanto altro tempo Fornite riuscirà a rimanere sulla cresta dell’onda? Mesi? Anni? Non ci resta che scoprirlo giocandoci, buon game a tutti.

Altre storie
God of War : la recensione