L'angolo del collezionista: Devil May Cry 5 Ultra Limited Edition

L’angolo del collezionista: Devil May Cry 5 Ultra Limited Edition

Un crescendo in prezzo e in qualità

Capcom, in occasione dell’uscita del nuovo capitolo della saga di Devil May Cry, fissata per il giorno 8 Marzo 2019, ha voluto ancora una volta soddisfare il solo mercato giapponese proponendo un’edizione da collezione strabiliante e molto particolare che ricorda sommariamente quella di Resident Evil 6, contraddistinta dalla giacca in pelle di Leon, uno dei protagonisti. Una scelta della società chiara e precisa di volersi affermare, innanzitutto, anche con il proprio merchandise, tra i fan nipponici, privilegiandoli rispetto a tutti gli altri sparsi nel mondo. Ciò, comunque, a mio avviso è molto discutibile dal momento che oggigiorno è sempre più diffusa la globalizzazione dei merci e la possibilità, dunque, di aggirare anche un certo protezionismo.

Riprendendo l’oggetto in questione, la Ultra Limited Edition, così chiamata proprio perché i pezzi a disposizione sono veramente pochi, esce dai canoni tradizionali per l’eccessivo costo che senza dubbio è fuori dalla portata della maggior parte degli appassionati, in quanto il prezzo proposto è veramente proibitivo anche per chi decidesse di optare per la versione più economica. Infatti, con incluso il gioco, si parte da una base di 600.000 yen (circa 4000 euro) per il cappotto di V, per arrivare a 750.000 yen (circa 5000 euro) per quello di Nero, fino a raggiungere i 900.000 yen (circa 7000 euro) per quello di Dante.

Una vera pazzia, se si pensa, poi, che in questo ambiente le quotazioni del prodotto saranno destinate sicuramente a crescere. Non dimentichiamo che la possibilità che ciò avvenga è legata, tra l’altro, al fenomeno molto diffuso del cosplay che richiede sempre più un alto grado di qualità e fedeltà al personaggio originale. Attualmente i tre capi di abbigliamento sono ancora disponibili per chi volesse affrontare questo genere di investimento, è il caso di dirlo, e le previsioni sembrano portare, in un tempo abbastanza breve, al sold out.

Altre storie
The Game Awards
The Game Awards: ecco le nomination dei migliori titoli del 2018