In questo SitoWeb non troverai pubblicità! Ma solo tanta passione per i videogiochi. Supportaci e diventa Patreon💙
Cod division

Call Of Duty WWII: Tutto quello che c’è da sapere.

Quando è stato rivelato un paio di mesi fa, Call of Duty: WWII ha catturato l’attenzione di molti giocatori. Questo nuovo capitolo della serie cerca di tornare alla sua impostazione originale nella seconda guerra mondiale e, ovviamente, la modalità campagna giocherà un ruolo chiave in questo obiettivo.

La campagna single player di Call of Duty WWII ruoterà attorno alle vicende di una squadra della Prima Divisione di fanteria inviata in Francia per la liberazione del Vecchio Continente, una delle tante sbarcate in Normandia il 6 giugno del 1944. Giocherai principalmente come un giovane soldato inesperto chiamato Private Ronald “Red” Daniels. Il suo viaggio comincia a Omaha Beach, attraverserà Parigi per poi spostarsi in Belgio con l’offensiva delle Ardenne, fino ad arrivare alla Germania nazista. Le storie dei soldati si intrecceranno con quella del conflitto e con quella di molte altre persone, militi inglesi, delle forze alleate, della ribellione francese (in una slide della presentazione abbiamo visto anche due donne e una bambina) e soldati dell’esercito tedesco. Tutte persone ordinarie, che hanno fatto cose straordinarie.

I giocatori vedranno anche un cast di personaggi di livello multinazionale, ciò includerà la partecipazione di truppe delle forze britanniche con combattenti femminili di resistenza francese.In ogni caso, è bene aver preso sul serio le storie personali di questo conflitto internazionale e felice di vedere che sono state date l’attenzione che meritano, tra cui una ricerca storica esaustiva al fine di renderli più realistico possibile.

Divisioni

Le Divisioni, ovvero cinque categorie di specializzazione che il nostro soldato potrà adottare, nello specifico: Infantry, Expeditionary, Airborne, Mountain e Armored. Ognuna di queste Divisioni poi avrà due opzioni disponibili, per un totale di dieci profili selezionabili. Inoltre i giocatori saranno in grado di unire tre rami di abilità nelle Divisioni: Division Skill, Division Training e Basic Training.

I fucilieri della divisione Infantry sono sempre al tuo fianco con fucili finemente sintonizzati e impeccabili marcature.

Ben attrezzati con lanciafiamme e granate tattiche, le uccisioni della divisione Expeditionary confezionano letteralmente calore.

I paracadutisti della divisione Airborne subiscono un condizionamento fisico estremo per superare gli avversari con le loro pistole.

Focalizzati sull’identificazione stealth e target, i cecchini della divisione Mountains genereranno paura costante nel nemico e colpiscono quando meno te lo aspetti.

I soldati della divisione Armored sono i migliori forniti in battaglia e mantengono posizioni con i loro esplosivi e le loro mitragliatrici leggeri.

Quartier Generale

Call of Duty WWII introduce anche il quartier generale che sarà installato sulla spiaggia di Normandia, dove i giocatori potranno competere, guadagnare ricompense, interagire e mostrare lo swag che hanno guadagnato sia come alleati o nemici. Entrambe hanno le loro basi rappresentate in diverse parti della testa della spiaggia.

Modalità Guerra

La modalità di gioco della guerra 6v6 della Seconda Guerra Mondiale si incentra nel lavoro di squadra.

Nei titoli precedenti della serie, CoD si sentiva più come un’esperienza solitaria piuttosto che lavoro di squadra.

Difenderai ponti, o li costruirai, distruggerai le basi antiaerei, scortando i tuoi carri armati di divisione e altro ancora. La nuova modalità di gioco è fortemente guidata da una storia, costruendo una narrativa mentre si progredisce attraverso la partita.

E ‘importante notare che il carro armato che è stato mostrato nel trailer multiplayer è stato esclusivo per la modalità di gioco di guerra e non sarà pilotato da un giocatore. Dovrai scortare il veicolo attraverso la mappa, proprio come la modalità di gioco payload di Overwatch.

Le Mappe

È interessante notare che la guerra avrà le proprie mappe personalizzate costruite esclusivamente per quella modalità di gioco. Non tutte le mappe disponibili in multiplayer saranno disponibili nella modalità guerra.

Sledgehammer ha dichiarato di voler “portare la storia anche nel multiplayer“. Mostrando ambienti iconici e prototypical della seconda guerra mondiale, le mappe multiplayer della seconda guerra mondiale mirano a spingere più opportunità di gioco e fornire un’esperienza rinfrescante per la serie.

Ogni divisione ha aree su ogni mappa che evidenziano i punti di forza e le debolezze dei loro stili di gioco. Le mappe stesse spaziano da piccole mappe veloci alle mappe più ampie, aperte per opportunità estese.

  •  Pointe du Hoc

Pointe du Hoc è incentrata sull’invasione alleata in Normandia.È una fortezza con la sua fitta rete di trincee all’interno della quale divincolarsi e provare a freddare gli avversari, magari aggirandoli e cogliendoli di sorpresa.

  • Ardennes

Ardenne è stato anche mostrato nel nuovo trailer, con i paesaggi coperti di neve. Con linee aperte per cecchini e bunker per i giocatori.

Altre mappe che sono state confermate per il multiplayer della Seconda Guerra Mondiale sono Gibilterra e l’USS Texas.

Zombie

Naturalmente, quale gioco di Call of Duty sarebbe stato completo senza la modalità Zombies? Beh, Sledgehammer si è assicurato di farlo anche questo. Questa è la prima iterazione di zombie di Sledgehammer Games. Anche questo avrà quel tocco di Sledgehammer, affermando che i giocatori della modalità Zombie avranno a che fare con una modalità più simile a Dead Space che incontra zombie, di qualsiasi altra cosa. Questo ha un senso perfetto proveniente da Sledgehammer con due veterinari del settore dietro la ruota – Glen Schofield e Michael Condrey che sono i creatori di Dead Space.

La beta giocabile di Call of Duty: WWII prenderà il via a partire dal 25 agosto prossimo, disponibile in anteprima su PlayStation 4 e solo dal 1 settembre arriverà su Xbox One e PC.

Vi ricordiamo che il titolo uscirà il prossimo 3 novembre su PC, PS4 e Xbox One.

Altre storie
Eiji Aonuma ed il futuro di The Legend of Zelda